Segni della memoria

Disegnare la Guerra civile spagnola
Curatore: Felice Gambin
Isbn: 978-88-3613-090-0
Collana: Biblioteca di "Spagna Contemporanea" Nuova serie / ISSN 2612-4939
Non disponibile, in ristampa
Quick Overview
Disegnare la Guerra civile spagnola
Segni della memoria
Maggiori Informazioni
ISBN978-88-3613-090-0
Numero in collana03
CollanaBiblioteca di "Spagna Contemporanea" Nuova serie / ISSN 2612-4939
CuratoreFelice Gambin
Pagine232
Anno2020
In ristampa
DescrizioneSegni della memoria
La Guerra civile spagnola, a più di ottant’anni dalla sua conclusione, continua a essere un tema di grande attualità, come testimoniano le nuove indagini storiche che vanno ad aggiungersi alla già copiosissima bibliografia esistente e all’incessante produzione poetica, narrativa, teatrale, cinematografica dovuta a una grande quantità di autori, non solo spagnoli. Questo volume si concentra su un genere particolare di opere che hanno per argomento la Guerra civile spagnola con i suoi antecedenti e i suoi strascichi, quello della letteratura disegnata. Il fumetto e più recentemente il romanzo grafico ci tramandano gli echi di quella guerra fratricida attraverso un proprio linguaggio fatto di sorprendenti intrecci tra storia e invenzione, tra scrittura e immagini. Gli studi qui riuniti, oltre a cercare di identificare un primo corpus di opere, vogliono mettere in luce i punti di vista ma anche i meccanismi narrativi con cui la letteratura disegnata, genere finora assai poco studiato, ha rappresentato quel conflitto. Alle voci degli studiosi si uniscono quelle di alcuni autori/disegnatori – Antonio Altarriba, Lorena Canottiere, Vittorio Giardino, Paco Roca, Alfonso Zapico – che si sono occupati in tempi recenti del tema e che nelle interviste che concludono il volume ci raccontano il loro personale rapporto con quella drammatica e lacerante vicenda.
Felice Gambin è professore ordinario di Letteratura spagnola presso l’Università di Verona. Ha pubblicato articoli e saggi, anche in prospettiva comparata tra Italia e Spagna, su Baltasar Gracián, Juan Huarte de San Juan, Miguel de Cervantes, Lope de Vega, Pedro de Valencia, José Ortega y Gasset, Helios Gómez, Carlo Bo. Diverse le edizioni critiche e i volumi sul tema della malinconia nella cultura spagnola, tra i quali il Libro de la melancholía di Andrés Velásquez (Viareggio, 2002), Azabache. El debate sobre la melancolía en la España de los Siglos de Oro (Madrid, 2008), Alonso de Freylas, I malinconici e la divinazione (Firenze, 2012). Più di recente ha dato alle stampe il Trattato sui moriscos di Spagna di Pedro de Valencia (Pisa, 2013) e l’edizione critica della Política angélica di Antonio Enríquez Gómez (Huelva, 2019). Ha organizzato numerosi convegni internazionali, tra i quali: Alle radici dell’Europa. Mori, giudei e zingari nei paesi del Mediterraneo occidentale, di cui ha curato l’edizione dei tre volumi pubblicati (2008, 2010 e 2011); Poderoso caballero: il denaro nella letteratura spagnola dal Medioevo ai Secoli d’Oro (2018); Segni della memoria. Disegnare la Guerra civile spagnola (2018). Ha svolto attività di didattica e di ricerca in Spagna, Stati Uniti e Messico.