«Prigionieri nel nostro mare!»

Sku
978-88-6274-485-0
20,00 €
Il Mediterraneo, gli inglesi e la non belligeranza del «duce» (1939-1940)
Autore: Alice Martini
Isbn: 978-88-6274-485-0
Collana: '900 - Il Novecento / ISSN 2611-5425
Quick Overview
Il Mediterraneo, gli inglesi e la non belligeranza del «duce» (1939-1940)
«Prigionieri nel nostro mare!»
Maggiori Informazioni
ISBN978-88-6274-485-0
Numero in collana01
Collana'900 - Il Novecento / ISSN 2611-5425
AutoreAlice Martini
Pagine260
Anno2013
In ristampa
Descrizione«Prigionieri nel nostro mare!»
Premessa di Paolo Nello • Introduzione • Lista delle abbreviazioni • I: IL BRUSCO RISVEGLIO EUROPEO • Il fallimento del sistema di Monaco • Il Patto d’acciaio • La crisi polacca • II:L’ITALIA RIMANE «ALLA FINESTRA» • Perché la non belligeranza • Il «blocco dei neutri» e il «blocco navale» • La commissione mista permanente anglo-italiana • La guerra per il carbone. A chi vende l’Italia? • Ciano contro Mussolini? • Chi decide la politica estera italiana? • III: LA SVOLTA? • La Guerra d’inverno • L’Ufficio Guerra Economica • Luca Pietromarchi • I «dubbi» sui traffici italiani e la questione del carbone • Il carbone tedesco • La lettera del 5 gennaio • Il tentativo inglese di controllare l’Italia • A Londra si dibatte • Percy Loraine •Il «Duce» sceglie i tedeschi • IV: VERSO L’INTERVENTO • Ribbentrop a Roma e l’incontro al Brennero • Il «promemoria segretissimo», la guerra parallela e le Forze Armate • Ultime speranze a Londra • L’Ufficio Guerra Economica torna protagonista • APPENDICE: Primo «rapporto Pietromarchi» • Secondo «rapporto Pietromarchi» • Indice dei nomi • Indice generale
L’avventura italiana nel secondo conflitto mondiale cominciò il 10 giugno 1940. L’alleato tedesco vi era già impegnato da nove mesi, cioè da quando aveva invaso la Polonia, il 1° settembre 1939, causando l’intervento di Francia e Gran Bretagna. Perché, dunque, Mussolini, che il 22 maggio 1939 aveva firmato con Hitler un’alleanza militare, nota come Patto d’acciaio, non aveva immediatamente incrociato le armi? Questo volume cerca di chiarire i motivi per cui il «Duce», prima, scelse la strada della non belligeranza, poi, dopo molte incertezze, optò per scendere in campo al fianco del «Führer». Il volume, basato su una ricca documentazione archivistica e su un’ampia bibliografia, italiane e straniere, ruota attorno all’evoluzione dei non lineari rapporti tra Roma e Berlino, da un lato, e Roma e Londra, dall’altro. Gli esiti di tale partita diplomatica non furono, in realtà, affatto scontati, perché al tavolo da gioco la posta si era fatta ultimativa e Mussolini rimase a lungo indeciso se spingere l’azzardo fino alla logica del «o la va o la spacca». Lo attirava il miraggio di conquistare la supremazia nel Mediterraneo, «Mare Nostrum», di cui gli inglesi detenevano le chiavi, ma lo atterriva l’idea, oltreché di una guerra lunga, insostenibile per l’Italia, di un’Europa egemonizzata dai camerati tedeschi.
ALICE MARTINI è docente a contratto presso la California State University-International Program in Florence e collabora con il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Pisa. Nel 2009 alla sua tesi di dottorato di ricerca in Storia e sociologia della modernità è stato attribuito il «Premio Spadolini Nuova Antologia».