L’altra Europa

Sku
88-7694-823-0
30,00 €
Percorsi narrativi romeni fra Otto e Novecento
Autore: Celestina Fanella
Isbn: 88-7694-823-0
Collana: La colonna infinita / ISSN 1828-809X
Quick Overview
Percorsi narrativi romeni fra Otto e Novecento
L’altra Europa
Maggiori Informazioni
ISBN88-7694-823-0
Numero in collana10
CollanaLa colonna infinita / ISSN 1828-809X
AutoreCelestina Fanella
Pagine424
Anno2005
In ristampaNo
DescrizioneL’altra Europa
La storia che questo libro racconta è ambientata nei salotti letterari moldavi e valacchi, sullo sfondo ci sono gli avvenimenti della corte del re Carlo I e c’è la Transilvania asburgica, dove il destino dei romeni fu in gran parte deciso dalle rivalità confessionali tra ortodossi e greco-cattolici. Seguendo percorsi narrativi che si muovono entro i confini nazionali, ma che arrivano, talvolta, nel cuore della cultura occidentale, il lettore, accompagnato da testi antologici per la prima volta accessibili al pubblico italiano, si troverà a percorrere grandi distanze geografiche e stilistiche: dal mondo caricaturale spinto fino all’assurdo di Caragiale, ai modelli ‘obiettivi’ e realistici di Rebreanu; dal ritmo melodico di Sadoveanu alla voce spezzata di Holban. Il libro suggerisce un nuovo modo di leggere cento anni di narrativa romena: raccontando le ‘inclinazioni’ a tratti esitanti, contraddittorie, spesso ritardatarie che maturano all’interno della società romena fra Otto e Novecento. E attraversando le zone di influenza del ‘centro’ e i complessi della ‘periferia’, nella Romania alle soglie della modernità, il lettore scoprirà l’Europa. L’altra Europa.
Celestina Fanella collabora con la casa editrice Utet per la quale ha curato le voci di letteratura romena del Grande Dizionario Enciclopedico (Torino, 1984-1991), del Dizionario dei Capolavori (Torino, 1987) e del Dizionario dei Personaggi (Torino, 2000). Per lo stesso editore ha, inoltre, curato il volume di Ion Creangã, Novelle e ricordi d’infanzia (Torino, 1982). Ha tradotto, per Jaca Book, Il romanzo dell’adolescente miope di Mircea Eliade (Milano, 1992) e ha redatto, per Einaudi, le voci di teatro romeno pubblicate nella Storia del teatro moderno e contemporaneo (Torino, 2003). Nell’ateneo torinese collabora, dal 1983, alla redazione dei materiali dialettali per L’Atlante linguistico italiano, i cui primi volumi sono stati pubblicati dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (Roma, 1995 e seguenti). Dal 1987 è lettrice di lingua romena all’Università di Udine.